SENZA CENSURA N.12

NOVEMBRE 2003 

 

COMUNICATO su ROBERTO B. CATRINO LÓPEZ

 

Circa un mese fa ROBERTO B. CATRINO LÓPEZ č stato trasferito dalla prigione di Picassent alla prigione di Huelva II; e sono 39 le volte che lo hanno disperso da quando si trova in prigione, da 14 anni!

Alla radice del problema, una risoluzione della Direzione Generale delle Istituzioni Penitenziarie (DGIIPP) del 9  Maggio del 2003 in cui si raccomandava il suo passaggio alla 1Ş fase del 1° Grado (Art. 91.2 RP equivalente ad un regime di non isolamento nel 1° Grado); Roberto aveva sollecitato il trasferimento alla prigione di Jaen per recuperare il 2° Grado penitenziario e cosě poter tornare in Catalunya - sua terra natale – a scontare il resto della condanna che gli rimane. Ricordiamo che, data la sua inclusione nel régime F.I.E.S. 1 (Controllo Diretto), l’Istituzione Penitenziaria Catalana rifiuta il suo ritorno ad una prigione di questa comunitŕ autonoma violando cosí ciň che č legalmente stabilito in quanto al luogo di  compimento della pena: Le persone detenute devono compiere la condanna in una prigione la piů vicina possibile al luogo d’origine, di residenza e al loro spazio sociale e affettivo (Artt. 25 CE, 1/12.1 y 63 LOGP y 9 y 116.3 RP).

Bene, allegando una risoluzione datata 27 di Maggio del 2003 (meno di venti giorni dopo la prima che non ci č stata notificata), in cui si argomenta che la prigione di Jaen ha chiuso il suo dipartimento di regime chiuso, questa istituzione ha inviato Roberto alla prigione di Valencia in cui č stato tenuto in isolamento.

Adesso, per ultimo, lo hanno trasferito di nuovo in un altra prigione allontanandolo ancor di piů dalla Catalunya o, come dice lui stesso “hanno buttato via la chiave”. Vale la pena rilevare che a Huelva si trova con Claudio Lavazza e Gilbert Ghislain (due conosciuti compagni incarcerati e repressi dal sistema penitenziario dello stato spagnolo).

Vogliono allontanare dalla sua terra e dalla sua gente Roberto perň non ci riusciranno!  Il gruppo di appoggio a Roberto fa un appello alla solidarietŕ e invita a inviare le vostre dimostrazioni di “solidaridad” a:

 

ROBERTO B. CATRINO LÓPEZ

C.P. HUELVA II

C/ La Ribera s/n (M-16) - 21610 – HUELVA - Spagna



http://www.senzacensura.org/